jump to navigation

L’Ironia gennaio 24, 2007

Posted by Lo Scafo in Ho studiato sociologia, Le mie battaglie, Robba seria.
5 comments

Smile che ride e piangeL’Ironia è una cosa seria. Non so se è possibile vivere senza, per me non sarebbe possibile: dovrei innanzitutto cambiare tutte le mie amicizie. “Sparare cazzate” è un’attività, a volte faticosa, ma che mi trovo per osmosi a portare avanti con la quasi totalità delle persone che conosco.

 

C’è una componente per me importantissima nel modo in cui una persona scherza e/o fa battute e mi sono accorto con gli anni che per me è un filtro fondamentale. Mi sono imbatuto varie volte in individui che per definizione “erano simpatici” o “facevano morire dal ridere”, spesso si trattava di persone che avevano un buon campionario di battute: una per ogni occasione. Raramente erano battute originali (quasi sempre rubate ad un film o riadattate da barzellette).

 

Una battuta non può essere ripetuta ogni volta che se ne presenta l’occasione, se è una particolarmente divertente bisogna anteporre “Come si dice in questi casi”. Se la battuta non è improvvisata bisogna in qualche modo dichiararlo. Se la battuta è di un altro va citata la fonte. Non so, a volte mi è capitato di chiedermi come fosse possibile che la gente ridesse ad alcune battute alla decima occasione in cui una persona la ripeteva, oppure quando era chiaramente una “frase fatta” mascherata da battuta originale.

Fare le battute richiede una deontologia.

Annunci

L’oro novembre 30, 2006

Posted by Lo Scafo in Ho studiato sociologia.
6 comments

Lingotto

Visto che i deliri pare abbiano successo proviamo con questo:

Nel 1991 uscì un filn “Hudson Hawk”, in buona sostanza i cattivi volevano riportare in luce una macchina progettata da Leonardo che avrebbe trasformato il piombo in oro: l’obiettivo era di immettere un enorme quantitativo del metallo sul mercato facendolo così impazzire.

Ho avuto un infanzia difficile, quindi anzichè limitarmi a ridere del film ed a giocare al relativo videogioco mi posi una domanda “perchè l’oro ha valore???”.

In fin dei conti chi se ne frega dell’oro, si è un buon conduttore… ma perchè l’economia mondiale e quindi le nostre vite devono essere legate a sta specie di sasso metallico??? Un sercio tra l’altro troppo morbido per poter essere utile in campi diversi dall’elettronica. L’elettronica è una cosa del XX secolo, perchè allora da sempre l’oro ha un valore enorme???

La mia idea è che inizialmente – essendo un metallo raro – veniva utilizzato come “prova di possesso” difficilmtente falsificabile; ad esempio una “barretta d’oro” provava che io possedevo un dato terreno. Col tempo barattare le “barrette d’oro” divenne usanza normale; con il differenziarsi dei beni posseduti (greggi, depositi etc. etc.) aumentò il numero di metalli usati e la trattazione di questi, da qui i gioielli… ad esempio la corona identificava tout-court il possedimento di un regno. Col tempo si perse la corrispondenza dell’oro con i beni ed il metallo acquistò valore in quanto tale.

In pratica il fatto che l’oro abbia un valore nasce da un equivoco generazionale.